Simboli di Sardegna – Sa Pintadera

La Sardegna custodisce una storia antica tra le sue pietre impilate a formare torri e tombe e ancora immobili e  dove le novelle popolari raccontano di esseri giganti. Stiamo parlando della civiltà Nuragica che ha lasciato un enorme patrimonio archeologico ancora in piedi dopo quasi 4000 inverni. Tutta l’epoca è ancora avvolta da una coltre di mistero e le leggende popolari vivono ancora tra i ricami della memoria. Nuraghi, Pozzi Sacri, Tombe dei Giganti, Domus de Janas sono disseminate in tutto il territorio, e molti oggetti sono stati rinvenuti nei siti archeologici. Tra bronzetti, vasi piriformi e statue giganti affiora, è proprio il caso di dirlo, Sa Pintadera, un manufatto in ceramica di forma discoidale ornato di figure per lo più geometriche. Il termine di origine spagnola richiama l’uso che ne veniva fatto soprattutto nel medioevo. Veniva infatti utilizzato come stampo per il pane, i tessuti e talvolta per imprimere un tatuaggio sulla pelle. Alcuni studiosi recenti sostengono che durante la civiltà nuragica venisse utilizzato come calendario. Si, proprio così un preciso calendario astronomico. Nicola De Pasquale esperto in matematica degli Incas, ha esposto la sua tesi già nel 2006, destando notevole sensazione. Uno strumento “Sa Arroda de Tempu”, capace di misurare le fasi lunari e quelle di Venere e gli anni bisestili, i Celti, ne avevano uno molto simile. La misurazione del tempo verrebbe spiegata dalla successione numerica di Fibonacci, nota dalla pubblicazione del libro «Codice da Vinci» di Dan Brown, in cui l’ultimo numero della successione è appunto la somma dei due precedenti: 1-1-2-3-5-8-13, e cosi via. Questa successione misura l’intero universo, dal Dna alle galassie. La nostra Pintadera secondo De Pasquale sarebbe quindi un preciso calendario astronomico. E’ chiaro che questa ipotesi, se accreditata, renderebbe la civiltà nuragica, tra le più evolute della storia. Non solo quindi esperti cacciatori e pastori, ma anche matematici e astronomi molto competenti su fenomeni dell’universo.